Tutti gli orari sono UTC +1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 380 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 26  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Caratteristiche mix...... per big
MessaggioInviato: mar 07 giu 2011, 10:03 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven 20 nov 2009, 15:54
Messaggi: 1348
Immagini: 68
Località: Ferrara
Salve a tutti, premetto subito che non è mia intenzione aprire un nuovo post per parlare di un mix specifico, ma mi piacerebbe solo instaurare una discussione per capire questo argomento.
Cerco di spiegarmi meglio; vorrei capire (nel limite del possibile) quali caratteristiche tecniche, di gusto, chimiche e attrattive deve avere un mix per essere in grado di operare una specie di selezione sulla taglia utilizzando solo le farine contenute al suo interno, in sintesi, quindi, che tipo di segnali deve emettere il mix per attrarre più spesso i grossi esemplari rispetto al resto.
Prendo ad esempio il green fish di cui tutti parlano come gran mix per le big (premetto che non l'ho mai usato non perchè non mi fidi del mix, anzi, ma ho paura che usandolo perderei la voglia di fare self in quanto trovo la soluzione), non voglio ovviamente sapere la sua composizione (ma se esce ben volentieri :) ) ma cercare di capire il perchè funziona in questo modo.
Ovviamente il discorso immagino che passerà per alta nutritività, pochi grassi, alta digeribilità e facilità nell'essere riconisciuto come fonte di cibo, ma sono fermemente convinto che il discorso non si possa ritenere concluso solo con questo in quanto quasi tutti i mix big fish hanno queste caratteristiche, quindi i segnali nutruitivi che fuoriescono dal mix sono per come la vedo io la chiave di volta per capire il discorso.
Grazie a tutti coloro che vorranno partecipare.
Ciao

_________________
Andrea Maestri


Top
 Profilo E-mail Album personale  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Caratteristiche mix...... per big
MessaggioInviato: mar 07 giu 2011, 12:58 
Non connesso

Iscritto il: gio 02 lug 2009, 11:27
Messaggi: 316
ciao andrea... il gusto amaro.

_________________
vivi la pesca - vivi la vita
_______________________
francesco


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Caratteristiche mix...... per big
MessaggioInviato: mar 07 giu 2011, 16:56 
Non connesso

Iscritto il: sab 18 feb 2006, 11:34
Messaggi: 579
Perché il green fa selezione?

_________________
Think over!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Caratteristiche mix...... per big
MessaggioInviato: mar 07 giu 2011, 20:21 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven 20 nov 2009, 15:54
Messaggi: 1348
Immagini: 68
Località: Ferrara
Leon così ho sentito dire, come ho detto non l'ho mai usato, ma in questo caso mi fido di ciò che mi viene detto perchè le voci sono tante.
Per il biondo (scusa ma non so il tuo nome) perchè dici l'amaro? Se lo dici penso che derivi da tue esperienze (cosa molto importante), ma in ogni ricetta consigliata viene sempre aggiunto del dolcificante (nhdc o sweetner che sia) anche a bassi dosaggi.
Ciao e grazie per le risposte

_________________
Andrea Maestri


Top
 Profilo E-mail Album personale  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Caratteristiche mix...... per big
MessaggioInviato: mer 08 giu 2011, 10:05 
Non connesso

Iscritto il: sab 18 feb 2006, 11:34
Messaggi: 579
Se é così Andrea lo provo in PO di VOLANO dove ho una marea di pesce ma faccio fatica a tirare fuori qualcosa sopra la media.

_________________
Think over!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Caratteristiche mix...... per big
MessaggioInviato: mer 08 giu 2011, 10:13 
Non connesso
Tester Big Fish/Richworth
Tester Big Fish/Richworth
Avatar utente

Iscritto il: mer 06 ott 2004, 16:12
Messaggi: 5488
Immagini: 873
non fantasticate troppo ....pescando in mezzo ad un branco di decine di carpotte non prenderete mai la grossa....semplicemente perchè non c'è ....oppure non è disposta a mangiare in mezzo al casino...

la ricerca della big è fatta prima di approccio e ricerca e poi di esca specifica ...noi l'abbiamo sempre ribadito e continuiamo a farlo, quindi non interpretate "troppo" liberamente !

_________________
Crazycarpangler sviluppo prodotti Big-Fish s.r.l.




Top
 Profilo E-mail Album personale  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Caratteristiche mix...... per big
MessaggioInviato: mer 08 giu 2011, 10:41 
Non connesso
Tester Big Fish/Richworth
Tester Big Fish/Richworth
Avatar utente

Iscritto il: mar 17 feb 2009, 20:18
Messaggi: 3221
Immagini: 415
Località: Bologna
Leon ha scritto:
Perché il green fa selezione?


fermo restando che non è che cattura solo le grosse e non le piccole potrebbero essere diverse le ragioni:
- chi lo usa è capace di pescare...(è una battuta e ovviamente mi tiro fuori).
- non necessita obbligatoriamente di molti attrattori e addittivi aggiunti (importante per il fatto di non avere troppo pesciame sotto).
- i segnali nutritivi molto forti sono ben apprezzati dai grossi esemplari e riconosciuti piu velocemente che dalle piccole carpe che spesso sono piu interessate alla quantita piu che alla sostanza.
- un'esca che non porta sotto di tutto e di piu è piu facile che venga considerata dalle grosse carpe che spesso girano ai margini o fuori dal branco.
- in pasturazione un'esca fortemente digeribile viene ritrovata piu in fretta dai grossi esemplari.

Rimane il fatto (a parte queste banali considerazioni) che chi lo ha provato per una sola volta pensando di catturare direttamente la big al 90% ci è rimasto deluso, mentre chi lo ha usato con convinzione in un lungo periodo e in svariate circostanze e luoghi ne ha tratto grossi vantaggi in termini di catture e taglia...(non è una battuta e questa volta non mi tiro fuori)..

3211


Top
 Profilo Album personale  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Caratteristiche mix...... per big
MessaggioInviato: mer 08 giu 2011, 11:25 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven 20 nov 2009, 15:54
Messaggi: 1348
Immagini: 68
Località: Ferrara
Leon in volano le carpe grosse ci sono tra i 10 e i 16kg, questo è il limite del posto, quindi non si piò pretendere di prendere un 20 dove non c'è (val pagliaro escluso ovviamente), ma le big del posto si prendono pescando dove non penseresti mai di pescare e spesso fuori pastura.

Marco ancora una volta ha centrato il centro del mio post (a parte il saper pescare... :)) ma purtroppo non ho ancora capito come fa, cioè quali e di che tipo sono questi segnali nutritivi molti forti che sono più apprezzati dai grossi esemplari e più riconosciuti?
Poi è ovvio che anche le piccole o le medie carpe cadano comunque sull'inganno!
Palline altamente attrattive che attirano molto pesce difficilmente prendono le big (anche sa a volte accade) ma io sto parlando del mix in se!!!!!!! Che tipo di segnali dovrebbe dare?
Per come la vedo io ancora una volta il buon Sergio T. ha ragione, cioè un mix da big difficilmente darà molte partenza (parlo del mix puro, non di aggiunta di ulteriori segnali chimici che potrebbero portare il mix ad ottenere un comportamento opposto e qui sta a chi lo utilizza capirlo) e farà anche cappottare ma probabilmente riuscirà a prendere il target fish, la questione è semplicemente legata a chi di noi è disposto a rischiare.
Il succo del post è tutto qui, spero di essermi spiegato un po meglio e mi scuso se non mi sono fatto capire subito.
Ciao e grazie a tutti, spero di avere ulteriori informazioni.

_________________
Andrea Maestri


Top
 Profilo E-mail Album personale  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Caratteristiche mix...... per big
MessaggioInviato: mer 08 giu 2011, 11:39 
Non connesso
Tester Big Fish/Richworth
Tester Big Fish/Richworth
Avatar utente

Iscritto il: mer 06 ott 2004, 16:12
Messaggi: 5488
Immagini: 873
in realtà sono spesso i segnali chimici "aggiunti" a rendere meno performante un buon mix.
il consiglio di pescare neutro (o con pochissimo aroma) quando si cerca il target non è sparato a caso nè frutto di sola pratica.
vi sono delle innegabili verità scientifiche alla base.
il "sistema pesce" carpa è fortemente condizionato dall'ambiente in cui vive.
inoltre questo condizionamento è direttamente proporzionale all'eta del soggetto.
un soggetto giovane ha metabolismo ed esigenze vitali differenti rispetto ad un animale adulto...non a caso anche nel pet food evoluto(prendiamo ad esempio i cani , settore che conta investimenti milionarii ..ma si potrebbe ragionare anche di maiali e pesci allo stesso modo) esistono alimenti "starter" per i cuccioli, "svezzanti" per i giovani e complessi per individui maturi o vecchi.
su questo credo vi possano essere realmente pochi dubbi.
allora si può iniziare a ragionare su questo:
- i giovani hanno meno problemi metabolici\digestivi dei maturi\anziani
- i giovani richiedono all'alimento molta energia \ struttura
-gli adulti più struttura

già in questi passaggi ci sono molte risposte insite ...che io ovviamente non vi darò per non togliervi il sottile gusto del ragionamento.

inoltre c'è molto altro da aggiungere sulla sensibilità chimica e recettiva degli esemplari giovani vs adulti.
un giovane ha i "sistemi" nuovi e poco compromessi dall'ambiente ...ed è comunque pronto ad immagazzinare molteplici esperienze sensoriali .
l'adulto è fortemente condizionato nel bene e nel male ed i "sistemi" sono maturi e fortemente recettivi verso quei segnali che ormai l'animale ha imparato a conoscere come SICURI E FONTE DI SOSTENTAMENTO.

anche su questo punto c'è da ragionare e direi che con questo uno può trovare tutte le risposte del caso.

vi lascio con uno spunto di difficile interpretazione..ma per questo interessante:
i grassi sono in assoluto le fonti di segnali più interessanti per gli esemplari di maggior mole.
paradossalmente sono anche il più grande limite nel condizionare in termini alimentari un individuo maturo...

la soluzione c'è ma non è facile ....

_________________
Crazycarpangler sviluppo prodotti Big-Fish s.r.l.




Top
 Profilo E-mail Album personale  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Caratteristiche mix...... per big
MessaggioInviato: mer 08 giu 2011, 12:12 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom 07 set 2008, 10:26
Messaggi: 457
Immagini: 16
Località: Mergo (AN)
sergio tomasella ha scritto:
in realtà sono spesso i segnali chimici "aggiunti" a rendere meno performante un buon mix.
il consiglio di pescare neutro (o con pochissimo aroma) quando si cerca il target non è sparato a caso nè frutto di sola pratica.
vi sono delle innegabili verità scientifiche alla base.


Volevo chiedervi un approfondimento su questo passaggio , che mi ha fatto tornare in mente un vecchio post del buon Forcolin dove indicava gli aromi pesciosi come preferiti dalle big, cosa di cui ho avuto un riscontro pratico: possibile che la preferenza degli esemplari di taglia verso esche aromatizzate con aromi basici sia da ricercare nella "riservatezza" di tali aromi (tenendo conto della basicità delle nostre acque)?
Cioè basse dosi di aromi tendenzialmente basici che generano un deltaph minimo può essere uno degli accorgimenti per selezionare? Io la mia idea me la sono già fatta ;)


Top
 Profilo Album personale  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Caratteristiche mix...... per big
MessaggioInviato: mer 08 giu 2011, 12:16 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven 20 nov 2009, 15:54
Messaggi: 1348
Immagini: 68
Località: Ferrara
Graziem Sergio sapevo che mi/ci saresti venuto in aiuto anche se questa volta sei stato un po ermetico :) ma onestamente capisco.... Ora un po di domande se rpuoi risèpondermi:
Posso chiedreti cosa intendi quando dici che gli adulti richiedono più struttura? (mi sfugge il senso del termine).
Inoltre con la frase:
l'adulto è fortemente condizionato nel bene e nel male ed i "sistemi" sono maturi e fortemente recettivi verso quei segnali che ormai l'animale ha imparato a conoscere come SICURI E FONTE DI SOSTENTAMENTO.
E' possibile in qualche modo intuirlo? sicuramente non saranno segnali molto forti o troppo diversi da ciò che trova nel suo ambiente (esche scariche potrebbero simulare un perfetto alimento naturale, più o meno) ma quali sono questi segnali o almeno in natura da che cosa sono dati?
Ultima: esistono grassi predigeriti o sono quelli già contenuti ad esempio nel predigested e via dicendo?
Grazie mille e scusa per la miriade di domande.
Ciao

_________________
Andrea Maestri


Top
 Profilo E-mail Album personale  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Caratteristiche mix...... per big
MessaggioInviato: mer 08 giu 2011, 12:25 
Non connesso
Tester Big Fish/Richworth
Tester Big Fish/Richworth
Avatar utente

Iscritto il: mar 17 feb 2009, 20:18
Messaggi: 3221
Immagini: 415
Località: Bologna
ciao Karploca bentrovato!
secondo me una bassa quantita di aromi e addittivi è alla base per la ricerca delle big.
Ovviamente si possono fare comunque in tutti i modi ma la continuita nel ricercarle puo portare molti pescatori a fare scelte piuttosto che altre.
Io sai che non sono un chimico affermato pero credo che nella scelta di un aroma (fatta dalla carpa e non da noi) ci sia anche un discorso di preferenze.
Hai mai fatto caso che molti aromi "pesciosi" hanno un odore molto simile all'ammoniaca?
anche il ph è spesso simile?
Secondo te è possibile che alcune ammine contenute siano ricavate da composti organici putrefatti?


Top
 Profilo Album personale  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Caratteristiche mix...... per big
MessaggioInviato: mer 08 giu 2011, 12:33 
Non connesso

Iscritto il: gio 02 lug 2009, 11:27
Messaggi: 316
ciao andrea, mi chiamo francesco pelcini.
il dolce piace alle carpe grandi e piccole.
l'amaro alla carpa da la sensazione di pericolo, percio sarà acettato in maniera piu lenta dalle carpe.
poi è vero tutto cio che è stato detto sopra, pero di fatto una cosa è sicura, e cioe che una pallina con tanto pesce seleziona meglio, perche?
perche è, e sarà, sempre una pallina con retrogusto amaro.
infatti basta asaggiarle x capire che nonostante il dolcificante, il retrogusto amaro non si riesce a toglierlo.
percio sara che l'amaro allontana di piu le piccole, x lasciar spazio alle grandi, di sicuro sono d'accordo con tutto cio che è scritto sopra, nutrizionalita ecc... pero di certo è che le palline che contengono pesce(quelle nutrizionalmente valide) prendono le carpe piu grosse, e le farine di pesce fino a prova contraria sono amare.
l'attrazione è data anche dal dolce, che pero è nemico della selezione, il contrario del dolce è l'amaro, percio x far selezione amaro.
l'esperienza è data dalle gare che svolgevo in passato, dove vinceva chi usava palline dolci, cioe senza pesce.(poi di tanto in tanto accadeva anche il contrario, ma questo avveniva grazie alla postazione).

_________________
vivi la pesca - vivi la vita
_______________________
francesco


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Caratteristiche mix...... per big
MessaggioInviato: mer 08 giu 2011, 18:14 
Non connesso

Iscritto il: sab 18 feb 2006, 11:34
Messaggi: 579
BIONDO : Mi han sempre detto che le ferine di pesce sanno di salato e non da amaro?

ANDREA e MARCO : Faccio notare che ho parlato di far selezione ma non ho specificato nessun peso

_________________
Think over!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Caratteristiche mix...... per big
MessaggioInviato: mer 08 giu 2011, 18:21 
Non connesso

Iscritto il: mar 06 ott 2009, 15:44
Messaggi: 20
Ricollegandomi alla riflessione di Sergio, mi ha incuriosito lo spunto finale tanto che ho chiesto al mio socio di pesca che studia queste cose all'università di darmi una possibile interpretazione.

Dal post di sergio si evince che gli esemplari di carpa adulti ritengono interessanti i grassi in quanto "richiedono più struttura" rispetto agli esemplari giovani. Allo stesso tempo però hanno un sistema digerente meno efficiente di questi ultimi, di qui il problema dell'utilizzo di elevate quantità di grassi in lunghe pasturazioni.
Ora, i lipidi sono molecole organiche complesse, formate da più componenti (ad esempio i gliceridi sono formati da una molecola d'alcol, il glicerolo, legata a un numero variabile di molecole di acidi grassi), ed i chemorecettori degli animali sono sensibili ad un particolare gruppo funzionale della molecola, in pratica riconoscono solo una parte della molecola e non la molecola intera.
Si potrebbe quindi pensare di inserire solamente la frazione del grasso che porta il gruppo funzionale riconosciuto dai recettori della carpa ottenendo così l'attrazione specifica senza il problema digeribilità.
Per quanto riguarda la richiesta di struttura, le evolute esche ad elevato valore biologico (con proteine predigerite, idrolizzate ecc) più volte discusse in questo forum dovrebbero risolvere anche questo probelma.
Rimane ora da capire a cosa siano sensibili i chemorecettori della carpa...e qui il mio socio ammette di non essere a conoscienza...forse i vari acidi grassi spesso nominati? gli esteri?
Il ragionamento in generale può avere una sua logica?

_________________
Carpenedo Alberto
Esperienza Carp Team


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 380 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 26  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC +1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Copyright @ 2013 BigFish Registro imprese: sede Treviso, iscr. n° 289243 Capitale sociale: 50.000,00 i.v.