Blow Out Rig Esterno

di
DSC_2547

Questa serie di articoli, in cui potrete visionare i rig più semplici e più usati dai carpisti, vuol essere d’aiuto a chi si sta avvicinando al carpfishing.

In questo caso vi spiego come creare un semplice ma sempre efficace blow back ring, con il passaggio esterno del trecciato.

Io solitamente uso questa presentazione per le boilies affondanti.

Ecco tutto il necessario:

  • Trecciato per terminali Big Fish ASPID
  • Gommini hook aligner Gardner
  • Amo Gardner Mugga Continental
  • Oval ring Big Fish
  • Forbici

DSC_2857

Procediamo all’esecuzione.

Creare una semplice asola, servirà per innescare la boilie.

DSC_2538fb

 

 

Inserire un oval ring, creare un nodo semplice e infilare l’anellino sul gambo dell’amo.

DSC_2539fb

DSC_2541fb

DSC_2542fb

 

Posizionare l’anellino all’altezza desiderata, che di solito è sulla schiena dell’amo all’altezza tra l’ardiglione e la punta dell’amo, tenendo fermo l’anellino in quella posizione, tirare il trecciato (il nodo semplice sull’anellino scorrerà su se stesso) fino a raggiungere la giusta distanza tra amo e boilies, come sempre la boilies deve riuscire a ruotare intorno alla curvatura dell’amo evitando il cosiddetto effetto ombra.

DSC_2543fb

 

Inserire il trecciato nell’occhiello dell’amo dall’esterno verso l’interno e creare un nodo senza nodo

DSC_2523fb

 

 

DSC_2544fb

 

Inserire sull’amo un gommino “Gardner Hook Aligners” per favorire la rotazione dell’amo e quindi l’allamata del pesce.

Ecco il terminale pronto per essere lanciato.

DSC_2546

 

DSC_2547fb

Comments

comments

L'autore

Federico Chiais, nato ad Asti nel 1982, fina da molto piccolo pesca con metodi tradizionali tinche e carpe negli stagni nei dintorni di casa. A fine degli anni novanta inizia ad essere incuriosito dal carpfishing che lo porta ad abbandonare polenta e pastelle per passare alle boilies. Fa parte del team big fish fin dalla sua nascita, avendo così la possibilità di confrontarsi con alcuni tra i migliori angler italiani presenti nel gruppo. Ama i luoghi di pesca selvaggi e naturali che può "curare" arrivando così a conoscerli a fondo, pensa infatti che la massima soddisfazione data dalla cattura di un pesce debba essere la conseguenza di ricerca e non una casualità. Amante della natura e della fotografia, crede fermamente che il carpfishing non si limiti semplicemente alla cattura di una carpa ma sia il modo di appagare il bisogno che ha ogni uomo di ritornare ad un contatto con la natura che ormai spesso è andato perso.

Copyright @ 2013 BigFish Registro imprese: sede Treviso, iscr. n° 289243 Capitale sociale: 50.000,00 i.v.