il bolt rig

di
IMG_1436

Il bolt rig è sicuramente la montatura più utilizzata nella pesca alla carpa poiché associa ottime caratteristiche:

  • alta capacità “autoferrante”
  • antigarbuglio
  • versatilità in pesca
  • sicurezza per il pesce.

un piccolo ripasso

Le montature prevalentemente utilizzate nel Carp Fishing moderno si dividono in fisse, semi fisse e scorrevoli. Come intuibile dalla nomenclatura, la differenza si sostanzia essenzialmente nelle modalità di fissaggio del piombo al terminale.

Tra le fisse possiamo individuare 3 principali sottocategorie:

  •  il bolt rig;
  •  in line lead (piombo in linea)
  • helicopter rig e derivazioni, quali silt rig e chod rig.

IMG_1198

Per realizzare un bolt rig sono necessari pochissimi accessori:

Passiamo ad analizzarli uno ad uno.

IMG_1436

Questa foto riassume tutto il necessario per creare un efficace bolt rig

IMG_1435

ELEMENTO “ANTIGARBUGLIO”

Ci sono molte soluzioni operative in merito, ognuna con delle caratteristiche particolari:

TUBETTO IN PVC

IMG_1170

Vediamo qui una realizzazione di bolt rig “vintage style”, non certo per efficacia, ma in quanto a materiali costruttivi. Il tubetto in pvc è sicuramente il materiale più storico  e datato per la costruzione di montature da carpa (dapprima rigidi e grossolani). E’ sicuramente una soluzione standard che non presenta particolari controindicazioni che garantisce eccellenti performance in termini antigroviglio e sicurezza nei contatti con il fondale. I materiali di ultima generazione sono molto resistenti e con un buon assetto. Mediante l’utilizzo di un piombo in pasta o tramite un Flying Back Lead in line si può ottenere un eccellente affondamento ed una presentazione discreta. Il principale aspetto negativo riguarda la difficoltà di inserimento “rapido” della lenza, addirittura impossibile se di grosse dimensioni. Analogo discorso per il trecciato, impossibile da “infilare” se non a mezzo di appositi strumenti. Anche se esistono dei trucchetti già illustrati in un articolo precedente che ci possono aiutare nell’intento: ASPIRARE DAL TUBINO

 

POLIURETANO TRASPARENTE

IMG_1165

Un bolt rig può essere rapidamente costruito mediante l’utilizzo di materiali di ultima generazione quali il protect leader di Leon. Il leader è già pronto con girella, basta inserire clip e gommino è la montatura può essere lanciata. Eccellente resistenza all’abrasione, ottimo affondamento, grandissimo mimetismo. Ulteriore caratteristica di eccellenza è la sua elasticità che permette una miglior tenuta dell’amo nella bocca del pesce. Direi che sicuramente è la mia prima scelta. Unica nota negativa è il prezzo e pertanto se ci sono elevate probabilità di incaglio, è meglio propendere per altre soluzioni.

BRILLATURA

IMG_1168IMG_1169

La brillatura altro non è che la costruzione di un leader mediante il raddoppio e l’incrocio di una lenza, nel nostro caso, di generose dimensioni. C’è sul forum un articolo molto esaustivo di Marco Bacchelli sulle modalità realizzative: Clikka QUI

La brillatura è la prima scelta in caso di elevatissime probabilità di incaglio. Economica ma resistente all’abrasione, rappresenta un leader LOW COST veramente eccezionale. Come per il protect leader, l’elasticità del monofilo ci aiuta a ridurre le slamate.

leadcore e materiali alternativi

IMG_1173

Il leadcore è sicuramente il materiale più in voga per la costruzione di bolt rig. Ottimo affondamento, ottima mimeticità e capacita antigroviglio. Tuttavia non è mai entrato a pieno nelle mie scelte, senza particolare motivo sinceramente, ma  ho sempre preferito le soluzioni sopradescritte. Vorrei spendere due parole su un prodotto nuovo e versatile chiamato Gravity, un materiale tubolare pesante e senza anima interna in piombo, che puo’ essere anche legato.

IMG_1532IMG_1533

Ultimo arrivo in casa Big Fish, il bungee, anch’esso estremamente innovativo. Altro non è che  uno snag leader elastico che associa le caratteristiche particolari di un leadcore con la capacità di “ammortizzamento” generata da un leader in lenza. Per gli amanti, sicuramente da provare.

CONETTO IN GOMMA

IMG_1167

Ce ne sono per tutti i gusti, la scelta non richiede particolari attenzioni se non l’adeguatezza con la clip come dimensioni di “incastro” e eventualmente, con il tubino.

LEAD CLIPIMG_1533 metal-lead-clip

 

A mio avviso, questo è l’elemento essenziale della montatura. Ci sono varie differenti tipologie di clip, vediamo ad esempio nella foto a seguire da sinistra a destra, un modello di Big fish, di Gardner e di Solar Tackle.

IMG_1166

La scelta dipende da due fattori:

  • esigenza di perdere il piombo e rapporto con la girella;
  • peso delle zavorre

Se si intende perdere il piombo ad ogni abboccata, la soluzione di Solar Tackle, completamente liscia, è sicuramente la prima scelta. Se invece necessitano soluzioni intermedie, si utilizzano piombi pesanti, la soluzione proposta da big fish è perfetta. Ricordate che tanto più si inserisce il gommino sulla clip, tanto meno è probabile che il piombo si sganci in sede di ferrata. Essenziale per questo scopo è legare la girella alla clip.  Io preferisco legare la girella “riciclando” i filati dei terminali non più’ utilizzabili, ma nelle confezioni del prodotto troverete un perno di plastica da inserire nel foro della clip che serve proprio per questo scopo.

Tanto più la girella è grande, tanto più il sistema di autoespulsione del piombo è efficace, ma attenzione a non esagerare, altrimenti finirete con lanciare e pasturare piombi

IMG_1197

Come ci insegnò il buon Leon….

IMG_6074

Il bolt rig si presta perfettamente per la pesca in fiume. Tanti anni orsono, lessi un bell’articolo di Leon che utilizzava questo sistema per la pesca nella Saone. Utilizzando una doppia clip, è infatti possibile preparare una montatura con un doppio piombo, a volte indispensabile in presenza di forte corrente. Fate attenzione poichè grandi pesi stressano molto le clip in plastica e tendono ad allentarsi e/o rompersi dopo un lavoro forzato. Verificate sempre che siano in buono stato.

 Perché utilizzare un bolt rig?

Nonostante il sottoscritto sia sempre stato un’amante delle montature in linea, gran parte delle pescate le approccio con questo sistema. In primis quando vi è la necessità di perdere il piombo il bolt Rig è sicuramente il sistema più versatile. Ci sono ovviamente sistemi di “drop off” anche per chod rig o in line lead, ma sono più macchinosi e meno immediati. Secondo aspetto è legato alla conformazione del fondale. Pescando spesso in ambiente infestati dalle alghe o a distanze medio lunghe, si rende necessario spesso utilizzare piombi a rapida risalita.

Il bolt rig agevola questa tecnica, così come rende possibile la perdita della zavorra  in caso di incaglio o di cattura. Un ulteriore aspetto è che per questi tipi di montatura sono disponibili molti più tipologie di piombi rispetto alle altre. Ad esempio, un Keope, non può essere utilizzato in linea o, per gli amanti dell’ogiva, troveranno nel bolt rig la montatura più “facile”.

Un ultima riflessione va’ posta anche all’assetto di questa montatura. Il bolt Rig infatti è caratterizzato da un piombo definibile “a pendolo” e pertanto anche in presenza di limo o alghe sul fondo, farà si che il piombo avendo un minimo di gioco sprofondando non trascini con se il terminale, caratteristica tipica di un piombo in linea. Per contro, questa lassità si manifesterà anche in fase di abboccata. Quindi possiamo sicuramente affermare che è una montatura abbastanza versatile e quindi utilizzabile perfettamente anche in presenza di un fondo “non duro”.

L’utilizzo di briallatura, protect leader o leadcore permette una velocissima sostituzione in pesca, mediante il sistema della doppia asola.

IMG_2420

Sicurezza prima di tutto

Che vogliate utilizzare o meno l’una o le altre tipologie, fate sempre in modo di avere un sistema di sgancio del piombo in caso di rottura della montatura, potreste salvare qualche nostra amica ed evitarle momenti infernali.

IMG_0039

 

Adesso avete tutti gli elementi per costruire un ottimo Bolt rig, a voi la scelta e …

TIGHT LINES

 

 

 

 

 

Comments

comments

L'autore

Nato ad Arezzo nel 1981, affetto sin da piccolo da "maniacale" passione per la pesca. Scoperto il carp fishing nel lontano 1995, da allora è divenuta fonte giornaliera di pensieri e sogni. Amo i grandi laghi, vivo questa passione nel più grande rispetto per natura, persone, luoghi e pesci. Ogni cattura rappresenta un ricordo, ed ogni ricordo alimenta la passione.

Copyright @ 2013 BigFish Registro imprese: sede Treviso, iscr. n° 289243 Capitale sociale: 50.000,00 i.v.